Cerca destinazione

Bed and Breakfast a Trapani

(30) annunci di Bed and Breakfast e Appartamenti a Trapani.

Luoghi di interesse a Trapani

Siciliantica

nessuna immagine
Trapani

Siciliantica

Animali domestici ben accetti! / Siamo in campagna


B&b il vecchio messina

immagine
Trapani

B&b il vecchio messina

Ammessi animali di piccola taglia / Siamo in centro citta'


Pubblicizza gratis il tuo Bed and breakfast

Fra amici

immagine
Trapani

Fra amici

Animali non ammessi / Siamo vicino al mare


Carpe diem

immagine
Trapani

Carpe diem

Animali non ammessi / Siamo in centro citta'


Baglio gammicchia bed and breakfast

nessuna immagine
Trapani

Baglio gammicchia bed and breakfast

Animali non ammessi / Siamo vicino al mare


I giardini di elencosta

nessuna immagine
Trapani

I giardini di elencosta

Ammessi animali di piccola taglia / Siamo in campagna


Alla marina b&b

nessuna immagine
Trapani

Alla marina b&b

Animali non ammessi / Siamo in centro citta'


Bed and breakfast via barone sieri pepoli

nessuna immagine
Trapani

Bed and breakfast via barone sieri pepoli

Animali non ammessi / Siamo vicino al mare


Pubblicizza gratis il tuo Bed and breakfast

Kore rooms

nessuna immagine
Trapani

Kore rooms

Animali non ammessi / Siamo vicino al mare


A babordo b&b

nessuna immagine
Trapani

A babordo b&b

Animali non ammessi / Siamo vicino al mare


L'angolo di laura***

nessuna immagine
Trapani

L'angolo di laura***

Animali non ammessi / Siamo in centro citta'


Soleterraluna

nessuna immagine
Trapani

Soleterraluna

Ammessi animali di piccola taglia / Siamo vicino al mare


La dolce casa

nessuna immagine
Trapani

La dolce casa

Ammessi animali di piccola taglia / Siamo in centro citta'


Atticovistamare b&b

nessuna immagine
Trapani

Atticovistamare b&b

Animali non ammessi / Siamo vicino al mare


Pubblicizza gratis il tuo Bed and breakfast

Stella del mattino

nessuna immagine
Trapani

Stella del mattino

Animali non ammessi / Siamo vicino al mare


B&b cortile di venere

nessuna immagine
Trapani

B&b cortile di venere

Animali non ammessi / Siamo in centro citta'


Bed and breakfast mua

nessuna immagine
Trapani

Bed and breakfast mua

Animali non ammessi / Siamo vicino al mare


Bed and breakfast triskele

nessuna immagine
Trapani

Bed and breakfast triskele

Animali non ammessi / Siamo vicino al mare


Malvarosa

nessuna immagine
trapani

Malvarosa

Animali non ammessi / Siamo vicino al mare


Cafisu

nessuna immagine
Trapani

Cafisu

Animali non ammessi / Siamo vicino al mare



Siti archeologici della provincia di Trapani

Trapani

Erice, Segesta, Mozia, Marsala e Selinunte. Millenni di storia sono racchiusi tra le coste della più grande isola del Mediterraneo ed il miglior modo per fare un salto nel passato è visitare i numerosi siti archeologici disseminati in tutta la regione.
In particolar modo nella provincia di Trapani si trovano alcuni tra i siti più importanti dell’isola.

Partendo da nord troviamo per prima la cittadina di Erice, che domina il promontorio di Trapani e la Sicilia occidentale.

Qui il tempo sembra essersi fermato per mantenere intatto lo splendore dei secoli passati, secoli che hanno visto l’avvicendarsi di civiltà fiorenti come quella troiana, quella cartaginese e quella romana, poi ancora dominata dagli arabi, dai normanni e dagli spagnoli con Federico d’Aragona.
Le tracce di questo glorioso passato possono essere ripercorse visitando le antiche mura ciclopiche di epoca fenicio-punica (VIII-VII secolo a.C.), il castello normanno di Venere, edificato nel XII secolo sui resti del tempio romano di Venere Ericina, le Torri medievali del Balio o il quartiere spagnolo.

Inoltrandoci nell’entroterra, tra Alcamo e Salemi troviamo l’antica città di Segesta che sorge sul Monte Barbaro, nel comune di Calatafimi Segesta.

L’area archeologica di Segesta comprende un grande tempio dorico (V secolo a.C.) mantenutosi in buone condizioni e recentemente restaurato, un teatro parzialmente ricavato dal fianco di una collina (II secolo a.C.), il santuario di Contrada Mango (VI secolo a.C.), le mura di cinta con la celebre Porta di Valle, la “Casa del Navarca” edificio decorato con la prora di una nave e numerosi monumenti di epoca medievale come il castello e la moschea.

Nella laguna dello Stagnone, a nord di Marsala, si trova l’isoletta circolare di San Pantaleo, su cui sorgeva l’antica città fenicio-punica di Mozia (o Mothia).

La creazione del primo nucleo abitativo avvenne intorno al VII secolo a.C. e risalgono più o meno a questo periodo i resti di un antico santuario a tre navate, della necropoli, del tofet, del centro abitato, della piscina sacra detta Kothon e della cosiddetta “Casa dei mosaici” con il pavimento mosaicato su cui è rappresentata la lotta tra vari animali. Tutto il perimetro dell’isola era cinto da una muraglia intervallata dalla Porta Est e dalla Porta Nord, ancora visibili.

Marsala, famosa per l’omonimo vino e per lo Sbarco dei Mille garibaldini, sorge sulla città punica di Lilibeum.

Quando Mozia venne distrutta da Dionisio I, tutti gli abitanti dell’isola si rifugiarono sul litorale antistante fondando la città di Lilibeo e dotandola di possenti mura perimetrali visibili solo in parte. Tra i reperti archeologici venuti alla luce da recenti scavi, ancora in corso d’opera, si possono osservare una porta con due torri, alcune domus, le terme risalenti al III secolo a.C., alcuni mosaici, resti di strade lastricate e una necropoli caratterizzata dall’ipogeo di Crispia Salvia, una camera funebre sotterranea riccamente decorata.

Infine Selinunte, città fondata dai Dori intorno al VII secolo a.C.

Il Parco Archeologico di Selinunte è suddiviso in diverse aree: la collina Gaggera su cui sorge il Santuario della Malophoros; l’Acropoli con i maestosi templi dorici dedicati ad Hera, Atena e Dioniso; la collina Mannuzza che ospita l’abitato antico; la collina orientale con numerosi templi ed, infine, la Necropoli dalla quale sono emersi sarcofagi, corredi funerari, vasi e ceramiche a figure nere e rosse.

A circa 13 km da Selinunte si possono ammirare le “Cave di Cusa”, ovvero un agglomerato di grandi cave di pietra da cui veniva estratto il materiale per le costruzioni di Selinunte.